Consigli per scrivere il tuo CV

If you are doubting what to say or how to present your CV, doubt no more! Here you can learn some tricks that will make your CV more effective and will help you stand out.

Se non sei sicurio su cosa scrivere o su come presentare il tuo CV, non disperare! In questa sezione puoi imparare alcuni trucchi che renderanno il tuo curriculum più efficace e ti aiuteranno a distinguerti tra tanti candidati.

Cerca di essere breve e semplice

  • Se sei un neolaureato, 2 pagine dovrebbero essere più che sufficienti; solo i professionisti con un grande bagaglio di esperienza hanno diritto a più di 3 pagine.

 

Mantienilo aggiornato

  • Un recruiter avrà bisogno di sapere la tua nazionalità, l’indirizzo, la tua data di nascita e le tue informazioni di contatto complete. Altre informazioni, come il tuo stato civile o se hai bambini sono facoltative, ma ci aiuterà a fornirti un supporto migliore.

 

Mantenere una certa professionalità

  • Assicurarsi che l’indirizzo email che hai sul tuo CV sia lo stesso che utilizzi per contattare i
    recruiters. Gli indirizzi email come ad esempio ‘butterfly123’ o ‘runnerguy89’ non sono adatti quando ci si candida per un lavoro. Il tuo nome @ Gmail, Hotmail o un altro dominio è l’unico indirizzo che può essere associato al tuo CV.

 

Crealo in maniera intelligente

  • Il tuo CV deve essere presentato ad un recruiter come un documento modificabile
    (documento Word) – a volte potrebbe essere necessario aggiornarlo,o aggiungere delle note prima di presentarlo a un datore di lavoro.
  • Il tuo CV deve includere un paragrafo iniziale che funge da sommario e specifica dove hai studiato, la tua esperienza e il tuo stato di registrazione professionale.
  • Se hai un’esperienza professionale, disponila sul CV in maniera cronologica, dalla più recente a quella più remota. Fornisci le descrizioni dei luoghi in cui hai lavorato e dei ruoli ricoperti come infermiere; non elencare solo i titoli e i luoghi d’impiego ma aggiungi anche una breve descrizione. Lo stesso vale per i tirocini: più recente è il lavoro, più dettagli vanno inclusi.
  • Se sei stato volontario per un certo tempo in un settore legato alla salute (vigili del fuoco, Croce Rossa) dovresti evidenziarlo tramite una specifica sezione denominata “Volontariato”.
  • Quando elenchi le tue abilità e competenze, devi essere onesto e originale – tutti i candidati sono dinamici, proattivi e hanno grandi capacità relazionali. Le differenze tra frasi del tipo”Sono eccellente nel lavoro di squadra”, “io pratico paintball” e “la mia esperienza nel praticare paintball mi ha aiutato a sviluppare le mie capacità di lavoro di gruppo ” possono essere rilevanti.
career management
nurses
career management
nurses

Realizzarlo in maniera ordinata e razionale

  • Non sprecare spazio prezioso sul tuo CV! L’esperienza di lavoro non legata alla Sanità di solito non è molto utile. Dovresti includere le esperienze poco rilevanti ai fini sanitari solo se, omettendole, si crea un vuoto all’interno della cronologia. Puoi anche elencarle semplicemente, i dettagli non sono necessari.
  • Filtra con attenzione le tue informazioni: le tante partecipazioni a seminari e convegni non sono molto utili al fine di determinare le tue abilità e possono distrarre la persona che valuta il tuo CV da qualcosa che invece è veramente importante, come il coinvolgimento in associazioni studentesche e gli ottimi voti ottenuti, fattori che determinano la tua abilità nel multitasking.

 

Far si che abbia un buon aspetto

  • A meno che non sia dichiarato come requisito, il formato Europass non è obbligatorio. È possibile utilizzare uno dei modelli in Word o scrivere semplicemente il proprio curriculum. Non è necessario allegare una fotografia, ma sicuramente non guasterà. Parliamo ogni giorno con molte persone ogni giorno, quindi una foto ci aiuterà a ricordarci di te.
  • Gioca con la formattazione del testo se necessario, i reclutatori hanno una buona vista o portano gli occhiali, quindi la dimensione di carattere a 9 può essere sufficiente .. Assicurati che il tuo CV sia “pronto per la stampa” e controllalo di nuovo prima di inviarlo a noi.
  • Un’ultima cosa: nel presentare il proprio CV in inglese, gli indirizzi e i nomi di persone, scuole e luoghi di lavoro non dovrebbero essere tradotti; può sembrare un dettaglio banale, ma fidati di noi: il cognome “Olivetree” non esiste in lingua portoghese.
  • Infine controllare sempre, e con sempre intendiamo OGNI VOLTA l’ortografia almeno due, tre o quattro volte. Il traduttore di Google o Linguee o Babel Fish o dizionario Oxford possono essere d’aiuto. Si prega di non inviare CV con errori di ortografia, fanno impazzire alcuni reclutatori!

 

Per altre domande o idee su come scrivere e organizzare il CV, non esitate a contattarci via email: info@primarycarerec.com

© 2015 primarycarerecruitment.ie

Privacy Policy